Costume della Sposa

Costume della Sposa

Costume della sposa

Costume della sposa

Sul capo i capelli sono raccolti a “cornetti” sulla nuca: un gioco di intrecci e legature che formano “su crundhile”, un’acconciatura unica in Sardegna e che secondo alcuni studiosi, si rifà alle pettinature in voga nell’oriente.

A diretto contatto con i capelli, si pone “su cappiale”, cuffietta ornata con vetta (nastro rosso), granottillu e istrillias dorate e legata sotto il mento con un nastro.

Sopra la cuffia, alla quale è fissato con una spilla, sta il velo bianco quadrato molto ampio, chiamato “su tullu”.

Nelle feste importanti, al posto de “su tullu”, su usa su miccadore anellau: un grande fazzoletto marrone dalle lunghe frange annodate e grandi fiori ricamati con fili di seta di vari colori.

La camicia, “sa hamisa pramà”, di tela bianca, così chiamata per il particolare ricamo, sia nel collo che nei polsi e plissettata “iffrizzia”, è tenuta stretta da un busto ridottissimo “sas palas “, di panno rosso, ornato da vettas, granottillu e istrillias dorate, che funge da reggiseno.

Sopra la camicia sta un giubbottino corto “su zippone”, di broccato. Preferibilmente a sfondo blu con rose rosse e gialle, che si apre sul davanti lasciando vedere la camicia.

La gonna “su vardellinu”, fittamente plissettata e orlata da una larga vetta e istrillias dorata, copre quasi completamente la pesante gonna di orbace colore granata “su hudditu de listone”, anch’essa fittamente plissettata in vita “agghironà” e orlata da una vetta (nastro con disegni vegetali di vari colori).

Il grembiule “su hodale”, molto stretto in vita si allarga in un triangolo di seta gialla, verde e bianca, ornato con “